Sezioni

Agenzia di informazione e comunicazione

Imprese. Confcooperative Emilia-Romagna festeggia i 50 anni. Bonaccini: “Dalle radici e dai valori condivisi lo slancio verso il futuro”

L’appuntamento mercoledì 18 aprile in Regione. Nell’occasione la presentazione del volume “Probi pionieri dell’Emilia-Romagna” poi la tavola rotonda sul tema: “La cooperazione: memoria del passato, sguardo al futuro”, con Romano Prodi e il presidente Bonaccini

16/04/2018 12:45

Bologna Confcooperative Emilia-Romagna festeggia i 50 anni di attività. E lo fa ritornando alle proprie radici e riproponendo quei valori di mutualità, condivisione e solidarietà incarnati dai primi cooperatori, per valorizzarli e rilanciarli anche come pratica per il futuro.

Un convegno per celebrare questo anniversario si svolgerà a Bologna mercoledì 18 aprile (inizio alle 9.30) in Regione (Sala “20 maggio 2012” in viale della Fiera 8), con la partecipazione del presidente della Regione Stefano Bonaccini, del presidente di Confcooperative Emilia-Romagna Francesco Milza, della presidente dell’Assemblea legislativa Simonetta Saliera, del vescovo di Imola monsignor Tommaso Ghirelli e dell’ex presidente della Commissione europea, Romano Prodi.

“Un traguardo importante, quello di Confcooperative- commenta il presidente Bonaccini- per una pratica che poggia su una visione e un approccio culturale frutto di un sistema solido di valori, oltre che su un senso di appartenenza alla propria comunità e territorio visto non come un giacimento da sfruttare ma come patrimonio di cui prendersi cura. Un approccio che da sempre ha messo le persone, l’ambiente e le comunità al centro del proprio fare economia. Responsabilità sociale e legalità devono continuare a essere i valori di riferimento del mondo cooperativo, interpretati come attivatori e moltiplicatori di crescita, sviluppo, occupazione e benessere diffuso”.

“Quella di Confcooperative Emilia-Romagna – dichiara il presidente dell’Unione regionale Francesco Milza- è innanzitutto una storia di uomini e donne che insieme, pur nella distinzione dei ruoli tipica dell’epoca, hanno risposto ai tanti bisogni incontrati nelle comunità, trasformandoli in occasioni di lavoro, sviluppo e benessere. Farne memoria oggi è indispensabile per guardare con fiducia al domani”.
La giornata si aprirà con la presentazione del volume “Probi pionieri dell’Emilia-Romagna” (Homeless Book edizioni), curato dal giornalista e scrittore Elio Pezzi, che ha percorso tutta la via Emilia per conoscere gli storici cooperatori che hanno fondato le prime cooperative, i primi consorzi e le prime Unioni territoriali. La copertina del libro riporta l’opera del pittore Gino Covili “Discussione per la formazione della cooperativa”, riprodotta anche in un piatto di ceramica realizzato in occasione del 50° anniversario. Condurrà l’incontro il giornalista Gino Belli.

A partire dalle 10,30 si svolgerà una tavola rotonda dal titolo “La cooperazione: memoria del passato, sguardo al futuro”, alla quale interverranno l’ex presidente Prodi, il presidente Bonaccini, e il presidente Milza. Modera il confronto Antonio Farnè, della Tgr Rai Emilia-Romagna. Le conclusioni della giornata (ore 12) saranno affidate al presidente nazionale di Confcooperative, Maurizio Gardini.

« Torna all'archivio

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/01/02 19:14:04 GMT+2 ultima modifica 2018-05-30T09:56:03+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?