Consumatori

Realizzato nell'ambito del Programma regionale generale di intervento 2013 con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo economico

Contabilizzatori per caloriferi: c'è tempo sino al 30 giugno 2017

Entro giugno, pena multe salate, gli edifici con impianto centralizzato dovranno aver montato valvole e contabilizzatori
Contabilizzatori per caloriferi: c'è tempo sino al 30 giugno 2017

Esempio di contacalorie

Lo stabilisce il decreto Milleproroghe: per installare le valvole termostatiche negli appartamenti con riscaldamento centralizzato ci sarà tempo fino al 30 giugno 2017. E’ slittato così di sei mesi (era stato fissato al 31 dicembre 2016) l'obbligo per milioni di condomini in tutto il Paese.

Multe salate a chi non si adegua

Sono dunque cambiati i tempi, ma non la sostanza: la direttiva Ue 2012/27 entrerà in vigore anche nel nostro Paese e chi non si adegua rischia multe tra i 500 e i 2500 euro a proprietario (sono le singole Regioni a stabilire le sanzioni). Le valvole servono a regolare il calore emesso dai termosifoni, con risparmio di energia e di costi. 

Quando raggiunge la temperatura impostata con la manopola, il termosifone si spegne. È anche possibile spegnere i singoli caloriferi, magari posizionati in stanze vuote o inutilizzate. I contabilizzatori consentono a ogni condomino di pagare esattamente per quanto consuma.

Come sottolinea Altroconsumo, il “costo di installazione oscilla tra i 100 e i 120 euro per termosifone. Nel caso in cui si voglia installare un contabilizzatore diretto posto all’ingresso dell’appartamento, la spesa ammonta a 50-60 euro per singola valvola e a 200 euro per il ripartitore unico. La manodopera, poi, costa all’incirca 100 euro”.

E non è finita, perché l'installazione delle valvole potrebbe comportare anche la sostituzione della caldaia centrale, soprattutto se si tratta di un vecchio modello. In questo caso Altroconsumo ha stimato un costo di 7/8000 euro per una palazzina di 20/30 appartamenti, fino a 10.000 euro per condomini da circa 60 appartamenti. Costi che vanno ripartiti tra tutti i proprietari nel rispetto delle tabelle millesimali.

Le esenzioni

Non tutti i proprietari di immobili saranno obbligati a montare le valvole. Ci sono alcuni casi in cui si può andare in deroga e il decreto legislativo 102/2014, che ha recepito la direttiva europea, li spiega molto chiaramente. Niente multe “quando da una relazione tecnica di un progettista o di un tecnico abilitato risulta che l’installazione del contatore individuale non è tecnicamente possibile o non è efficiente in termini di costi o non è proporzionata rispetto ai risparmi energetici potenziali”. In concreto, se l'intervento dovesse costare troppo in relazione al potenziale risparmio energetico, non c'è alcun obbligo. Pensiamo, ad esempio, alle seconde case che restano vuote per buona parte dell’anno Ovviamente serve una relazione scritta da parte di un tecnico abilitato. Questo documento andrà mostrato in caso di controlli.

 

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 02/01/2017 — ultima modifica 02/01/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it