Sisma in Italia centrale, dalla Regione un milione per l'immediata emergenza. Bonaccini: "Pronti ad accrescere il nostro impegno"

Il presidente della Regione nelle zone colpite ha incontrato amministratori, popolazione e volontari a Montegallo, in provincia di Ascoli. Annunciati i termini di "un coinvolgimento concreto"

In sintesi

Un milione di euro dalla Giunta regionale come impegno concreto per aiutare le popolazioni delle aree colpite dal sisma. Lo ha comunicato il presidente Bonaccini, in visita a Montegallo (AP) con una delegazione della Regione, durante l'incontro, tra gli altri, con il capo della Protezione civile nazionale, Curcio e il presidente della Regione Marche, Ceriscioli. Al momento sono 200 i volontari e tecnici di Protezione civile dell’Emilia-Romagna nei tre campi che ospitano complessivamente circa 250 persone. Nell’area sono state impiegate anche nove unità cinofile, che hanno in particolare agito sulle macerie nel paese di Amatrice.
Ricordiamo che è aperto un conto corrente unico regionale: IBAN IT69G0200802435000104428964

26.08.2016

archivio Agenzia informazione e comunicazione Regione Emilia-Romagna

Subito lo stanziamento di un milione di euro per l’immediata emergenza, disponibilità all’impegno sul campo fino a quando richiesto implementando l’apporto tecnico in base alle necessità.

Questo, in sintesi, il concreto impegno comunicato dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, alle popolazioni delle aree colpite dal sisma. Bonaccini, che ha incontrato tra l’altro il capo della Protezione civile nazionale, Fabrizio Curcio e il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, si è recato nel comune di Montegallo in provincia di Ascoli Piceno, presso l’epicentro del terremoto, nelle cui frazioni i circa 200 volontari e tecnici di Protezione civile dell’Emilia-Romagna hanno montato tre campi che ospitano complessivamente circa 250 persone. Nell’area sono state impiegate anche nove unità cinofile, che hanno in particolare agito sulle macerie nel paese di Amatrice.

Il presidente Bonaccini era accompagnato da una delegazione composta dal sottosegretario alla Giunta regionale, Andrea Rossi, dall’assessore alla Protezione civile Paola Gazzolo,  dal capo di Protezione civile regionale Maurizio Mainetti, dal delegato della Curia di Bologna don Massimo Ruggiano e dal direttore della Caritas bolognese, Mario Marchi. Erano inoltre presenti Volmer Bonini, presidente del Comitato regionale del volontariato di Protezione civile e Marco Iachetta dell’Anci Emilia-Romagna.

Ricordiamo che, al momento, non c'è bisogno di inviare cibo, vestiti o altri materiali. Chi vuole contribuire può farlo con un versamento sul conto corrente unico aperto dalla Regione Emilia-Romagna (IBAN IT69G0200802435000104428964 - dall'estero BIC UNCRITM1BA2 Intestazione e causale: Emilia-Romagna per sisma Centro Italia).

Per quanto riguarda il fabbisogno di sangue, la pronta attivazione della rete del Centro nazionale sangue, dei centri regionali e delle associazioni di donatori, ha fatto fronte alle necessità. Rimane lo stato di allerta e l'indicazione è di programmare con i servizi trasfusionali e le associazioni e fondazioni competenti per territorio, le donazioni in modo da prevenire sia eccedenze che carenze di emocomponenti.

I commenti

“Ho incontrato amministratori e cittadini, a partire dal sindaco di Montegallo Sergio Fabiani- ha commentato il presidente Stefano Bonaccini-, portando loro la solidarietà degli emiliano-romagnoli. Col capo della Protezione civile nazionale e il collega presidente della Regione Marche, abbiamo poi fatto il punto della situazione. Come Regione Emilia-Romagna abbiamo ribadito la disponibilità a rimanere fino a quando ci sarà bisogno e implementare, se richiesto, il nostro apporto. Siamo inoltre pronti– ha aggiunto il presidente- a intervenire per le verifiche e i controlli tecnici. Qui la notte la temperatura scende di molti gradi e bisogna evitare che anche una sola persona passi l’inverno in tenda. Come Giunta regionale, nella seduta di lunedì prossimo, stanzieremo un milione di euro per l’immediata emergenza, fondi che le Regioni coinvolte e il sistema di Protezione civile decideranno come utilizzare. Dall’Anci è poi venuta la disponibilità dei Comuni a gemellaggi futuri e a mettere subito a disposizione i tecnici per le verifiche e i controlli che andranno eseguiti nelle prossime settimane”.
“Ma ho anche voluto– ha concluso Bonaccini- ringraziare tutti i volontari di Protezione civile arrivati dall’Emilia-Romagna, da 48 ore impegnati ad aiutare la popolazione, operatori che sanno come si interviene in situazioni di emergenza. Nel 2012 le Marche hanno dato un grande aiuto ai cittadini emiliani colpiti dal sisma, ora è il nostro turno: non servono passerelle né parole, occorrono fatti e per fortuna ci si sta mobilitando in tale senso”.

Concetti sottolineati dall’assessore regionale Gazzolo, che ha evidenziato come “ci siamo mossi con tempestività e professionalità, agendo da subito in condizioni non semplici dettate dalla difficile viabilità, ma adattandoci alla situazione e offrendo un supporto in una situazione di grave difficoltà”.

Il ruolo della Protezione civile emiliano-romagnola è stato rimarcato anche dal responsabile nazionale, Fabrizio Curcio: “Fin dal primo momento, per l’assistenza alla popolazione abbiamo mobilitato le colonne regionali e l’Emilia-Romagna è una di quelle regioni che normalmente rispondono per prime e con elevatissima efficienza. Così è stato anche stavolta”.
“Nel nostro comune- ha aggiunto il sindaco di Montegallo- molte case sono state lesionate e la gente ha paura. L’intervento della Protezione civile e della Regione Emilia-Romagna rappresentano un esempio: gli operatori e i volontari sono arrivati immediatamente, allestendo strutture fondamentali per l’accoglienza delle persone”.

Il delegato della Curia di Bologna ha portato il messaggio del vescovo Zuppi, impossibilitato a partecipare all’incontro: “Siamo qui per portare la solidarietà della Chiesa bolognese alla gente colpita dal sisma e per un simbolico gemellaggio tra chi sta soffrendo e chi ha sofferto in Emilia-Romagna nel terremoto del 2012. Intendiamo anche raccogliere gli elementi utili per possibili azioni concrete di sostegno da attuare nei prossimi giorni”. 

Raccolta fondi per sisma Italia centrale agosto 2016

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 26/08/2016 — ultima modifica 26/08/2016
< archiviato sotto: , >
Notizie correlate
Sisma in Centro Italia, il passaggio di consegne con la Regione Marche a Montegallo (Ap), San Severino Marche e Caldarola (Mc) 18/02/2017
Sisma Centro Italia, dall’Emilia-Romagna quattro dei volontari che hanno salvato bambini e ospiti dell’Hotel Rigopiano 21/01/2017
Sisma Centro Italia, già sei squadre con 25 volontari partite dall'Emilia-Romagna 19/01/2017
Sisma in Centro Italia, dall'Emilia-Romagna altri volontari e mezzi per far fronte all'emergenza neve 19/01/2017
Sisma in Centro Italia, nuove scosse e neve: l'Emilia-Romagna invia altri mezzi e volontari 18/01/2017
Sisma in Centro Italia, non si ferma l’aiuto dell’Emilia-Romagna. A Caldarola (Mc) inaugurato il polo scolastico provvisorio: 220 gli studenti in aula 09/12/2016
Sisma in Centro Italia: l'Emilia-Romagna in aiuto a San Severino Marche (Mc) 15/11/2016
Sisma in Centro Italia, prosegue l'impegno dell'Emilia-Romagna: "Immediati nostro aiuto e disponibilità" 09/11/2016
Sisma in Centro Italia, i volontari dell'Emilia-Romagna al lavoro a Caldarola (Mc) 02/11/2016
Nuovo sisma in Italia centrale, si rafforza l'impegno dell'Emilia-Romagna: colonna mobile regionale a Caldarola (Mc). Oltre 450 i cittadini assistiti 31/10/2016
Nuovo sisma in Italia centrale, parte la colonna dell'Emilia-Romagna: "Non vi lasceremo soli" 27/10/2016
Sisma in Italia centrale, ora la ricostruzione. Chiudono i campi tenda a Montegallo (AP) 16/10/2016
Sisma in centro Italia: inaugurata a Montegallo (Ap) la cittadella della solidarietà dell'Emilia-Romagna 26/09/2016
Sisma in centro Italia: scuola, municipio, presidio medico e chiesa. Entro fine mese apre la 'cittadella' dell'Emilia-Romagna a Montegallo 08/09/2016
Sisma in Centro Italia, Emilia-Romagna al lavoro. Bonaccini: "Giovedì a Montegallo con il commissario Errani" 06/09/2016
Sisma nell'Italia centrale. Il cuore grande dell'Emilia-Romagna, raggiunti i primi 100mila euro sul conto corrente unico regionale 31/08/2016
Sisma nell'Italia centrale, cresce l'impegno della Regione Emilia-Romagna: "adottato" il Comune di Montegallo (Ap) 30/08/2016
Sisma in Italia centrale, operativi i tre campi della Regione Emilia-Romagna. Oggi il presidente Bonaccini in visita alle zone colpite 26/08/2016
Sisma in Italia centrale. Concluso l’allestimento dei campi della Protezione civile dell’Emilia-Romagna 25/08/2016
Sisma nell'Italia centrale. Il presidente Bonaccini nelle prossime ore sui luoghi colpiti 24/08/2016
Sisma nell'Italia centrale. Dall'Emilia-Romagna partito un primo modulo per l'emergenza 24/08/2016
Notizie correlate - Altro…
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it