Al via il bando per l'agroindustria, 60 milioni di euro per imprese più forti sui mercati

E' il primo bando del Psr 2014-2020 per il settore agroindustriale. Salgono a oltre 83 milioni le risorse per gli investimenti "dalla terra alla tavola"

In sintesi

E' il primo nell'ambito del Psr 2014-2020 per il settore dell'agroindustria. Dalla Regione le risorse per sostenere gli  investimenti delle aziende di trasformazione e commercializzazione in campo agroalimentare con l'obiettivo di rendere le imprese più forti e competitive sui mercati internazionali. Le domande possono essere presentate dal 15 aprile al 30 giugno e i contributi saranno nella misura del 40%. Il bando affianca quello aperto nei giorni scorsi che stanzia 23,5 milioni per le aziende agricole (domande dal 15 aprile al 15 luglio). L'investimento complessivo è dunque di 83,5 milioni
L'assessore all'Agricoltura, Simona Caselli: “Vogliamo sostenere l’innovazione  in campo agricolo e agroalimentare perché anche da questo passa la capacità di andare sui mercati internazionali"

15.04.2016

archivio Agenzia informazione e comunicazione Regione Emilia-RomagnaCresce la domanda di made in Italy e  la Regione Emilia-Romagna mette a disposizione 60 milioni di euro per sostenere gli investimenti delle aziende di trasformazione e commercializzazione in campo agroalimentare. Con un obiettivo: essere più forti e competitivi sui mercati, a partire da quelli extra Ue. E’ quanto prevede il primo bando per gli investimenti delle imprese agroindustriali del Psr  (Piano di sviluppo rurale) 2014-2020. Le domande potranno essere presentate da domani, venerdì 15 aprile al 30 giugno.

Il bando per l’agroindustria si affianca a quello, annunciato nei giorni scorsi,  che stanzia 23,5 milioni di euro per sostenere gli investimenti delle sole aziende agricole emiliano-romagnole, per un plafond complessivo di risorse pari a 83,5 milioni di euro, che considerando  il cofinanziamento privato potranno movimentare risorse per oltre 200 milioni di euro. Anche in questo caso le domande possono essere presentate  a partire dal 15 aprile, ma con scadenza il 15 luglio.

 

Cosa prevede il bando per l’agroindustria
L’agroalimentare è la seconda voce dell’export emiliano-romagnolo con una crescita nel 2015 del  6,2%.  Il bando  per gli investimenti agroindustriali stanzia 60 milioni, l’importo dei progetti dovrà essere compreso tra un minimo di 250 mila euro a un massimo di 5 milioni, i contributi – in conto capitale – saranno nella misura del 40%.

Destinatarie dell’intervento sono sia le imprese che svolgono esclusivamente attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, sia  quelle che affiancano tale attività a quella agricola di base. Gli investimenti potranno riguardare  la realizzazione e l’ammodernamento degli impianti e delle attrezzature di lavorazione lungo la filiera; l’introduzione di tecnologie innovative per rispondere a nuove opportunità e spazi di mercato o per migliorare la qualità dei prodotti; gli interventi che portano a un miglioramento della sicurezza alimentare, dell’efficienza energetica, dell’impatto ambientale e della sicurezza sui luoghi di lavoro.  

Tra le priorità previste, per la valutazione delle domande, vi è  l’esistenza di particolari forme contrattuali (accordi di filiera, contratti con organizzazioni di produttori, adesioni a organizzazioni interprofessionali, ecc.) che massimizzino le ricadute positive sulla parte agricola; per le aziende di montagna, per i progetti che  riguardino produzioni Dop e Igp e biologiche o con particolari ricadute ambientali od occupazionali.

 

foto di Marco Caselli Nirmal, archivio Agenzia di informazione e comunicazione Regione Emilia-RomagnaIl bando per  gli investimenti delle aziende agricole
Il provvedimento presentato nei giorni scorsi,  mette a disposizione 23,5 milioni di euro  per sostenere l’innovazione e l’ammodernamento delle imprese agricole, migliorare i processi produttivi e la qualità dei prodotti, ridurre l’impatto ambientale delle lavorazioni. Molto ampia l’articolazione degli interventi , tale da soddisfare  anche piccole aziende  del settore primario (da 10 mila a 3,5 milioni di euro gli importi minimi e massimi della spesa ammissibile), con priorità per giovani agricoltori, aziende di montagna, agricoltura bio, integrata, prodotti Dop e Igp.

Il commento

“Vogliamo sostenere l’innovazione  in campo agricolo e agroalimentare perché anche da questo passa la capacità di andare sui mercati internazionali – spiega l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli - l’Emilia-Romagna è già oggi una delle regioni leader dell’ agroalimentare italiano, ma dobbiamo fare di più. Con questo bando puntiamo a rafforzare ulteriormente la capacità di competere del  comparto, in una logica di integrazione con quello agricolo, dunque con uno sguardo a tutta la filiera, per massimizzare le ricadute positive sul territorio”. 

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 15/04/2016 — ultima modifica 15/12/2016
< archiviato sotto: >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it