Fondi europei, oltre 157 milioni di euro già impegnati sul Por Fesr 2014-2020

Risorse impegnate per progetti di innovazione per le Pmi, riqualificazione energetica e valorizzazione dei beni culturali ed ambientali

16.12.2016

archivio Agenzia informazione e comunicazione Regione Emilia-RomagnaSono oltre 157 milioni di euro le risorse già impegnate dei fondi Por Fesr 2014-2020 dalla Regione Emilia-Romagna, in particolare per progetti di innovazione per le Pmi, riqualificazione energetica e valorizzazione dei beni culturali, e nel 2017 si prevede di impegnare ulteriori 81 milioni.  Sono alcuni dei risultati raggiunti nell’attuazione del Programma che la Regione ha presentato al Comitato di sorveglianza del Por Fesr, nel corso dell’incontro annuale che si è tenuto a Parma (vedi il dettaglio delle misure avviate). 

Al Comitato di sorveglianza, l’organismo che svolge la funzione di accertare l'efficacia e la qualità dell'attuazione del Programma operativo, è stato presentato anche il nuovo sistema di monitoraggio S3, un cruscotto dinamico e interattivo di monitoraggio dei dati che permette di avere infografiche e visualizzazioni. Inoltre, è stato illustrato il quadro delle nuove associazioni che partono con un bando per sostenere la capacità di integrazione delle azioni da mettere in campo sul fronte della ricerca, innovazione ed alte competenze.

È stato fatto il punto sulla “Strategia delle aree interne”, piano nazionale per contrastare la caduta demografica e rilanciare lo sviluppo e i servizi in queste zone, ed è stata presentata la campagna di comunicazione sull’attrattività che sarà lanciata nei prossimi mesi. 

Il 10 gennaio 2017 apre il bando che stanzia circa 15 milioni di euro per progetti innovativi di riqualificazione turistica, commerciale e culturale di imprese. Per la prima volta il bando mette insieme tre importanti settori come turismo,commercio cultura e produrrà oltre 43 milioni di investimenti nei prossimi due anni.  

I commenti

“Ricerca e innovazione sono state le parole chiave di quanto realizzato fino ad ora grazie alle risorse Por Fesr– ha dichiarato l'assessore regionale alle Attività produttive Palma Costi–. Nei prossimi mesi concentreremo gli sforzi in particolare per l’innovazione sulle reti d’impresa, per dare un ulteriore impulso alla digitalizzazione forti dell’accordo siglato con il Ministero dello Sviluppo Economico sul ‘Grande progetto nazionale banda ultra larga’, e sostegno a nuovi investimenti produttivi. Un’attenzione particolare verrà data poi a rafforzare i processi di crescita dell’Appennino regionale, introducendo criteri di premialità per la montagna nella programmazione Por-Fesr 2014-2020. Vogliamo incentivare uno sviluppo diffuso che cerchi di integrare anche le realtà più svantaggiate per rendere competitivo tutto il nostro territorio”.

 

“I quasi 15 milioni di euro di finanziamento alle imprese private previsti dal bando dell’asse 3 del Por Fesr– ha commentato l'assessore regionale al Turismo Andrea Corsini–, costituiscono una grande opportunità per stimolare innovazione e sviluppo. In effetti, grazie a queste risorse si potranno produrre circa 43 milioni di euro complessivi di investimenti su alberghi, esercizi commerciali e strutture teatrali e cinematografiche e musei d’impresa, riqualificando in tal modo l’offerta turistica, commerciale e culturale della nostra Regione".

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 16/12/2016 — ultima modifica 16/12/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it