Omicidio stradale, un convegno a Bologna a un anno dalla legge

L'Osservatorio regionale, con le Forze dell'ordine e le scuole. Bonaccini: "Norma doverosa". L'impegno delle istituzioni e una campagna contro la distrazione al volante

04.04.2017

Convegno reato omicidio stradale, Bonaccini, Donini (4-4-2017)Meno morti sulle strade a causa di incidenti, con un calo del 6,7% in Italia, a un anno dall’introduzione del reato di omicidio stradale (previsto dalla legge 46/2016). “E’ una norma doverosa e sacrosanta, che sta funzionando- sottolinea il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini-. Abbiamo dati in miglioramento, che certo non ci possono bastare ma che dicono anche che la direzione intrapresa è quella giusta. Occorre dunque proseguire in tal senso e che ognuno faccia la propria parte. Servono prevenzione, informazione, conoscenza e sensibilità”.

Il presidente Bonaccini è intervenuto oggi nel corso delconvegno su "Il reato di omicidio stradale... un anno dopo", organizzato a Bologna dall’Osservatorio per la sicurezza stradale della Regione Emilia-Romagna, cui hanno preso parte l’assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Donini, la responsabile del Laboratorio di tossicologia forense del Dipartimento Dimec dell’Università di Bologna, Elia Del Borrello, il direttore nazionale del servizio di Polizia stradale, Giuseppe Bisogno, il procuratore aggiunto della Procura di Bologna, Valter Giovannini, e il presidente dell’Osservatorio per la sicurezza stradale, Mauro Sorbi. Presenti anche i ragazzi di alcune scuole superiori bolognesi.

“La legge sul reato di omicidio stradale- ha detto Sorbi- inizia quel percorso di inversione culturale per stigmatizzare la superficialità con cui a volte alcuni utenti della strada si mettono al volante, non riconoscendo che assunzione di alcol e droghe o semplicemente la distrazione impediscono che si guidi con il massimo dell’attenzione e delle capacità”.

Convegno reato omicidio stradale, Bonaccini, Donini (4-4-2017)“Oggi abbiamo fatto il punto su una legge importante- ha spiegato Donini- e dato un contributo al dibattito nazionale. Le norme introdotte prevedono un positivo inasprimento delle pene per chi guida in stato di abbrezza o sotto l’effetto di droghe e in caso di omissione di soccorso. Come Regione continueremo a investire sia nella manutenzione e sicurezza delle strade sia in programmi informativi ed educativi ricolti in particolare ai giovani. Accanto ai progetti già in corso, faremo partire una campagna insieme ad un pool di professionisti ed esperti, con i media e nelle scuole contro la distrazione al volante. L’uso del cellulare alla guida è la causa di un terzo degli incidenti”.

La campagna, biennale, avrà come testimonial Laura Ferrari, la studentessa modenese che un anno fa rimase coinvolta nell’incidente in cui persero la vita 13 studenti universitari in Spagna per partecipare al progetto Erasmus e che il presidente Bonaccini ha voluto ringraziare “per la grande sensibilità e per l’impegno personale nella diffusione della cultura della sicurezza nelle strade”.

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 04/04/2017 — ultima modifica 04/04/2017
< archiviato sotto: >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it