Research To Business, una vetrina per le 40 startup più innovative

Al salone di Bologna inaugurato oggi dal presidente Bonaccini, l'Emilia-Romagna si conferma terra di ricerca e innovazione

08.06.2017

archivio Agenzia informazione e comunicazione Regione Emilia-RomagnaC’è la startup che ha realizzato un barman robot, quella che punta solo su prodotti informatici rigenerati ed ecosostenibili e quella che ha creato una piattaforma per trovare lavori ai giovani medici. Sono alcune delle proposte che le 40 migliori startup emiliano-romagnole presentano alla 12a edizione di Research To Business R2B (Bologna Fiere, 8-9 giugno), il salone internazionale dell’innovazione e della ricerca industriale organizzato da Regione Emilia-Romagna, BolognaFiere e Aster, società regionale per l’innovazione e la ricerca industriale, in collaborazione con Smau. 

Le migliori esperienze a R2B
Tra le startup presenti a R2B c’è Nextis4us, fondata a Bologna dal 23enne calabrese Leonardo Stamati, ingegnere meccanico e dal 29enne boliviano Dante Cruz Velasquez, ingegnere industriale. I due, che hanno seguito il percorso di accelerazione delle Serre di Aster (incubatore d’impresa realizzato con il contributo regionale) hanno sviluppato Essenza, un barman robot che in modo intelligente è capace di dosare automaticamente i cocktail con più precisione e velocità della mano umana.

Un’altra startup fondata a Bologna da Domingo Noguera con Fabio Leanzi, Maurizio Bellante e Claudio Citzia, Green Idea Technologies, si propone sul mercato come il primo fornitore europeo di prodotti informatici ecosostenibili certificati. I prodotti venduti dalla società sono computer, notebook, tablet, smartphone e periferiche ricondizionati (riparati come nuovi) e toner e cartucce per stampanti rigenerati.

GNext è una startup bolognese che sviluppa prodotti a base di grafene, un materiale che ha la resistenza del diamante e l’elasticità della plastica. La società ha brevettato un metodo di produzione che ne mantiene bassi i costi ottenendo un prodotto di alta qualità, disperso in soluzione acquosa senza utilizzo di agenti tossici.

Per i tanti alla disperata ricerca di un artigiano di fiducia, la startup bolognese Dachivai ha sviluppato una piattaforma su cui gli stessi utenti consigliano e valutano i vari professionisti e artigiani. Ogni membro può sia segnalare alla community i nomi dei professionisti di cui si fida e cercare il professionista di cui ha bisogno andando a curiosare nella rubrica dei suoi amici o delle persone che conosce.

DoctorsWork! è una startup fondata da due medici riminesi,che hanno sviluppato una piattaforma per la gestione del lavoro temporaneo in campo medico. DoctorsWork! intende valorizzare il talento dei medici e contribuire alla loro carriera creando opportunità di lavoro convenienti e qualificate.

Il 27enne riminese Luca Carrai ha fondato Ethicjobs,che certifica, dà visibilità e supporta le aziende che offrono i migliori standard di qualità lavorativa. La valutazione del wellness aziendale è fatta direttamente e in forma anonima dai suoi dipendenti

Verso la Silicon Valley
Per supportare adeguatamente tutti gli aspiranti imprenditori Aster, tramite il portale “EmiliaRomagna startup”, offre percorsi di incubazione e formazione sulle tematiche amministrative, fiscali, sulla tutela della proprietà intellettuale, oltre al supporto per le attività di crowdfunding. Inoltre anche quest’anno è stato lanciato il Silicon Valley Mindset Program, tramite il quale si selezionano 10 aspiranti imprenditori offrendogli due settimane di formazione gratuita nella regione statunitense dove sono nate le più grandi imprese innovative americane.
Inoltre, proprio all’interno di R2B, sarà presentato il nuovo bando per la Silicon Valley, che sarà aperto anche alle Pmi innovative (giovedì 8, ore 14.00 - Arena Regione Emilia-Romagna).

E proprio per migliorare il sostegno alle startup regionali e a testimonianza della vitalità dell’ecosistema innovativo emiliano-romagnolo, Italian Angels for Growth (la rete dei business angels italiani, la più importante di investitori privati) ha deciso, in collaborazione con Aster, di istituire una presenza stabile in Emilia-Romagna per sostenere l’avvio, lo sviluppo e l’espansione di imprese innovative. Il progetto, che si chiamerà Iag–Emilia-Romagna, sarà presentato giovedì 8 alle ore 16 nell’Arena Regione Emilia-Romagna.

Le startup in Emilia-Romagna
L’Emilia-Romagna è terra fertile per le startup: al secondo posto in Italia per numero assoluto di simili esperienze, con l’11% del totale nazionale. Delle 796 startup emiliano-romagnole, il 19% circa è composto prevalentemente da giovani e quasi l’11% da donne. Solo 3 startup su 100 hanno nella compagine societaria un numero predominante di stranieri. Forlì-Cesena è la provincia con la percentuale più elevata di startup a prevalenza giovanile (il 23,2%)mentre, secondo lo strumento di analisi elaborato da Aster (http://www.aster.it/indicatori/focus-start-up), Reggio Emilia è seconda, dopo Bologna, con 22 aziende innovative su 95 e Modena (21,2%) terza. Ferrara è la provincia con più startup “rosa” (21,1%), seguita da Ravenna (17,3%) e Modena (16,4%). A Piacenza (5,4%), Ferrara (5,3%) e Modena (4,8%) ci sono più startup composte prevalentemente da stranieri.

 

 

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 08/06/2017 — ultima modifica 08/06/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it