Eccidio di Villa Minozzo (Re), Bonaccini al 73esimo anniversario

Il presidente: "Essere qui vuol dire scegliere di non dimenticare le nostre radici più profonde". La cerimonia organizzata da Comune, associazioni partigiane e Istoreco

26.03.2017

Bonaccini alla commemorazione eccidio Villa Minozzo davanti alla lapideVentotto uomini, tra i 17 e gli 84 anni. Uomini innocenti e inoffensivi. Come Adriano Gigli, il pastore diciassettenne ucciso a Fontana; come Emilio Alberghi, disabile psichico, o Antonio Rovali, 82enne infermo. O, ancora, il parroco Giovan Battista Pigozzi, che si rifiutò di mentire e di fuggire. E’ nel nome e nel ricordo delle vittime dell’eccidio nazifascista avvenuto il 20 marzo 1944 nel territorio di Villa Minozzo (Reggio Emilia), dove i borghi di Cervarolo e Civago vennero rastrellati, depredati e bruciati, che si è aperto l’intervento del presidente della Regione, Stefano Bonaccini. La cerimonia di commemorazione è stata organizzata dal Comune in collaborazione con le associazioni partigiane, Alpi-Apc e Anpi, e con l’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea (Istoreco). All’Aia dei Caduti erano presenti le autorità e i ragazzi della scuola secondaria dell’Istituto comprensivo di Villa Minozzo.

“E’ fondamentale, come istituzioni, essere sempre presenti alle commemorazioni dei tanti eccidi con cui la barbarie nazifascista ha colpito così tragicamente le nostre terre- ha affermato il presidente della Regione-. Sono momenti preziosi, questi, perché sono testimonianza del sacrificio di tanti cittadini inermi, e ci consentono di ribadire i valori a cui dobbiamo continuare a fare riferimento. Essere qui, insieme – cittadini, istituzioni, associazioni – vuol dire scegliere di non dimenticare. Di non dimenticare le nostre radici più profonde”. “Essere qui, oggi, a ricordare insieme quel tragico 20 marzo 1944- ha proseguito Bonaccini-  è un modo per dare significato a tutto quello che è venuto dopo, per non rendere inutile la sofferenzadi tanti e dare valore invece all’impegno di tutti. Ma soprattutto- ha aggiunto- per ridare speranza ai nostri giovani, ricordando che anche nei momenti più bui e di fronte a problemi apparentemente insuperabili, è possibile resistere, agire, costruire”. 

Quella compiuta 73 anni fa fu un’azione “che si accanì particolarmente e precocemente su una terra ‘resistente’- ha sottolineato Bonaccini-, che ha visto agire, fin dal settembre 1943, i fratelli Cervi, don Pasquino Borghi, e anche i partigiani sassolesi di Rossi e Barbolini”. Su quelle vicende oggi c’è anche una verità giudiziaria: nel 2010-2011, grazie al lavoro del procuratore Marco De Paolis e all’impegno dei familiari delle vittime, si è svolto il processo ai responsabili presso il Tribunale militare di Verona. Sono stati condannati all’ergastolo l’ex sottotenente Fritz Holberg e l’ex sergente Karl Stark, con sentenze poi passate in giudicato. “Un esito senza dubbio tardivo e per certi aspetti insufficiente rispetto alle legittime attese- ha detto il presidente-, ma comunque importante come segnale ufficiale della volontà di fare giustizia, di non dimenticare, di dare riconoscimento alla dignità delle vittime e dei loro eredi”. Ancor prima della verità storica e di quella giudiziaria, “questa vicenda aveva trovato spazio nella memoria della comunità di Cervarolo”; e in questo “i cittadini di Cervarolo, voi, non dovete rimanere soli”.

Bonaccini ha poi rimarcato il ruolo fondamentale svolto dalle associazioni partigiane e dagli istituti storici “per richiamare nelle scuole e nell’opinione pubblica il tema delle stragi naziste e fasciste”, così come è importante che le istituzioni locali, regionali e nazionali “non facciano mai mancare la loro attenzione, la loro presenza e anche il loro appoggio concreto a tutte le iniziative promosse sul territorio”. Ed è in questa prospettiva che “oggi abbiamo a disposizione uno strumento in più: la legge regionale per la Memoria del Novecento, che conferma l’impegno sul tema della Giunta dell’Emilia Romagna e si propone di valorizzare e mettere a sistema le tante realtà e attività della nostra regione”.

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 26/03/2017 — ultima modifica 26/03/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it