Disabilità, a “Handimatica” tecnologia e servizi

La vicepresidente Gualmini: “Inclusione delle persone più fragili è indice di democrazia e civiltà”

30.11.2017

Foto di Riccardo Gallini - Copyright: Meridiana ImmaginiMuoversi agilmente nella propria casa o per strada, accedere ai mezzi di informazione, partecipare alla vita culturale della propria città, viaggiare. Comportamenti scontati per la maggior parte delle persone, ma che tali non sono per i disabili. Un aiuto concreto arriva dalla tecnologia, in grado di offrire soluzioni sempre più sofisticate e a portata di mano per coloro che ogni giorno devono fare i conti con handicap di varia natura. Torna a Bologna l’undicesima edizione di “Handimatica”, l’appuntamento biennale dedicato ai sussidi e alle problematiche delle persone disabili o non autosufficienti, a partire da ciò che ostacola il raggiungimento della piena autonomia per il lavoro, lo studio, l’accesso ai servizi e l’assistenza.

A parlarne oggi, nella giornata inaugurale della manifestazione - in programma dal 30 novembre al 2 dicembre all’Istituto Aldini Valeriani Sirani - la vicepresidente della Regione e assessore al Welfare, Elisabetta Gualmini, il sindaco di Bologna, Virgilio Merola, il presidente dell’Unione italiana dei ciechi, Mario Barbuto, e il presidente della Fondazione Asphi (organizzatrice di Handimatica), Franco Bernardi.

L’impegno della Regione per le persone disabili e non autosufficienti

Nell’ambito delle politiche adottate in questo settore del welfare, la Regione riserva grande attenzione al tema della casa, con azioni destinate a favorire l’autonomia dei disabili. Tra gli interventi più significativi l’abbattimento delle barriere architettoniche, finanziato quest’anno con 2 milioni di euro; risorse che servono per adattare appartamenti e spazi comuni di edifici privati alle esigenze di coloro che hanno problemi di mobilità e utilizzano carrozzine o altri ausili. In Emilia-Romagna nel 2017 sono 633 le famiglie che, sulla base di uno specifico bando approvato dalla Giunta, stanno ricevendo contributi a fondo perduto per effettuare i lavori.

Sul piano dell’assistenza di disabili e anziani, tra gli interventi più significativi c’è il Fondo regionale per la Non autosufficienza, con cui la Regione sostiene lo sviluppo della rete di servizi socio-sanitari, residenziali e semiresidenziali e la realizzazione di interventi di natura assistenziale ed economica (oltre 471 milioni di euro investiti nel 2016). Nel 2017 è stato poi avviato uno specifico programma per la realizzazione di progetti personalizzati di assistenza e protezione per le persone con disabilità grave orfane o senza sostegno familiare. Tra gli obiettivi del programma finanziato attraverso il Fondo nazionale del “Dopo di noi”, c’è quello di consentire loro la permanenza in casa propria, nel proprio ambiente, in alternativa alle tradizionali strutture di ricovero: le risorse assegnate all’Emilia-Romagna superano i 13 milioni di euro in tre anni.

Il commento

“L’inclusione delle persone più fragili deve essere concreta e non retorica- ha sottolineato Gualmini-: si tratta infatti di un indicatore del livello di democrazia e civiltà di una società. L’Emilia Romagna è da sempre in prima linea in questo campo perché è una terra di grande solidarietà. Dal Fondo per la non autosufficienza ai contributi sul ‘Dopo di noi’, fino all’impegno con cui a livello nazionale abbiamo chiesto e ottenuto il primo Fondo sui Caregiver, assieme a tanti amministratori del nostro territorio. Crediamo nella dimensione culturale ed educativa dell’accoglienza e dell’inclusione delle persone diversamente abili in tutti gli ambiti della nostra società e allo stesso tempo- ha concluso la vicepresidente- siamo convinti che dall’innovazione e dall’uso delle tecnologie più avanzate passino nuove opportunità di integrazione”.

 

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 30/11/2017 — ultima modifica 30/11/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it