Emilib, la rete emiliana on line

Un importante traguardo è stato raggiunto con EmiLib, nuova “library” nata dalla fusione delle risorse digitali delle biblioteche di Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza, con un potenziale bacino di utenza di circa 2 milioni di abitanti. I quattro poli emiliani coinvolti raggruppano 285 biblioteche (dalle pubbliche comunali, statali, universitarie fino a quelle di associazioni e fondazioni) distribuite in 182 comuni.

Il nuovo polo online mette in campo più di 21.000 ebook, 5.800 testate tra quotidiani e periodici in oltre 80 lingue e 158 quotidiani e periodici in sola lingua italiana. E ancora, oltre 60.000 tracce musicali, 165 audiolibri e più di 560.000 risorse disponibili tra cui app, banche dati, immagini, spartiti musicali e video giochi.

In pochi giorni il gradimento sui social si è espresso con oltre 36.019 visualizzazioni su Fb; 187 le condivisioni e 337 like. Le risorse digitali presenti nel portale proverranno da tutto il mondo con particolare attenzione ai materiali digitalizzati localmente. Emilib sarà ovviamente molto social: gli utenti potranno segnalare consigli di lettura o memorizzare i propri percorsi di interesse e lettura.
Attraverso questo portale gratuito, le informazioni e il sapere sono davvero di tutti. Viene garantita ai cittadini una disponibilità di un enorme numero di documenti digitali di qualità. L'alfabetizzazione informatica e il superamento del digital divide diventano qualcosa di più che un auspicio.

“EmiLib è un progetto cooperativo e condiviso. Si inserisce in un percorso di crescente coordinamento tra le biblioteche pubbliche sul digitale- afferma l’assessore regionale alla Cultura, Massimo Mezzetti- promosso dal nostro Istituto per i beni artistici, culturali e naturali, che stiamo sostenendo con convinzione. Il futuro lo si può immaginare e progettare grazie anche alla più che trentennale esperienza che la nostra regione ha nei servivi bibliotecari che sono sempre stati all’avanguardia in Italia. Condividere le risorse significa far evolvere i servizi digitali, dando loro respiro e prospettiva, potenziare l’offerta e attrarre nuove fasce di pubblico. L’obiettivo è aumentare la condivisione tra i poli bibliotecari a livello regionale, promuovendo la collaborazione a favore del cittadino sui servizi digitali, dove si registra un ritardo storico del nostro Paese e dove è forte l'attenzione e l'impegno della Regione. Le biblioteche, del resto, sono sempre state il principale punto d’accesso pubblico e gratuito al web, e come Regione stiamo operando perché diventino anche punti di accesso alla nuova rete regionale wifi a libero accesso, che è parte delle azioni sostenute dalla Regione proprio per ridurre il digital divide”

Le statistiche ci danno la misura delle potenzialità della lettura digitale: la Rete di Romagna e San Marino ha praticamente triplicato prestiti di ebook. Solo nel primo mese di attivazione, rispetto al mese precedente in cui le 4 piattaforme erano ancora separate, Emilib ha già visto aumentare del 60% prestiti e contatti. 

Azioni sul documento
Pubblicato il 07/04/2017 — ultima modifica 07/04/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it