Sezioni

martedì,  5 giugno 2018

A Bologna la Conferenza internazionale della Rete degli ospedali e dei servizi sanitari che promuovono salute

Appuntamento dal 6 all'8 giugno al Centro Congressi, con oltre 600 esperti a confronto da tutto il mondo

medici chirurghi ospedale pazienteNon solo luoghi di cura e sollievo ma, prima ancora, realtà in grado di promuovere salute e prevenzione. Sono gli ospedali, e i servizi sanitari in genere: per tre giorni (da domani, mercoledì 6, fino a venerdì 8 giugno), a Bologna, più di seicento esperti da tutto il mondo discuteranno e si confronteranno su quest’approccio innovativo, tra politiche e buone pratiche.
L’occasione sarà la 26esima Conferenza internazionale HPH, la Rete degli ospedali e dei servizi sanitari che promuovono la salute, che verrà ospitata al Centro Congressi, piazza della Costituzione, Sala Europa. Un appuntamento organizzato dall’Azienda Usl di Reggio Emilia per conto della Regione Emilia-Romagna. Tutti gli interventi saranno in inglese.

Nella giornata inaugurale, mercoledì 6 giugno, interverranno tra gli altri Elisabetta Gualmini, vicepresidente della Regione e assessore al Welfare, Giuliano Barigazzi, assessore alla Sanità e Welfare del Comune di Bologna, e Mirko Degli Esposti, prorettore vicario dell’Università di Bologna.

La Rete

Fondata dall’Organizzazione mondiale della sanità, la Rete HPH (Network of Health Promoting Hospitals and Health Services) ha come obiettivo principale quello di diffondere i concetti della promozione della salute negli ospedali e nei servizi sanitari, migliorare la qualità dell’assistenza, le relazioni tra ospedali/servizi sanitari, comunità e ambiente, parallelamente alla soddisfazione dei pazienti, dei parenti e del personale. Tutto questo attraverso lo sviluppo di strutture, cultura, processi decisionali e organizzativi innovativi.
La Rete è focalizzata soprattutto sui pazienti e sui loro familiari, con un’enfasi particolare sui bisogni dei gruppi più vulnerabili. Il principio ispiratore dell’HPH per aumentare la capacità dei servizi sanitari di “produrre” salute è fortemente basato sulle strategie dell’Oms, a partire dalla Carta di Ottawa per la Promozione della Salute. La Rete, in sintesi, intende affrontare questioni socio-ambientali più vaste che vanno oltre agli approcci medici intesi a curare gli individui: fra gli altri, sono compresi interventi per pazienti cronici, in modo da aiutarli ad affrontare malattia e disabilità e sostenere al meglio il livello di qualità della vita.

Approfondimenti

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/06/05 18:54:47 GMT+2 ultima modifica 2018-06-05T18:54:47+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?