Sezioni

martedì,  29 maggio 2018

Ricostruzione post sisma 2012, la Comal Industria Alimentare di Novi (Mo) torna a casa

Contributi per circa 8,3 milioni di cui 6,7 dalla Regione. Bonaccini: "Orgogliosi del rientro dopo la delocalizzazione temporanea"

Inaugurazione Comal a Novi 1“Un’altra azienda del territorio che ritorna a lavorare e produrre in Emilia-Romagna, grazie a un intenso lavoro svolto da istituzioni locali e proprietà per non perdere il contatto con un marchio prestigioso”.
Lo ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna e commissario delegato alla Ricostruzione, Stefano Bonaccini, durante l’inaugurazione del nuovo stabilimento della Comal Industria Alimentare, questa mattina a Novi di Modena.
L’azienda, che produce salumi di alta qualità, a causa del sisma del 2012 aveva delocalizzato l’attività nella sede di Salara (Rovigo), dove aveva continuano la produzione per sei anni.
“Abbiamo sostenuto la ferma volontà di questa impresa di voler rientrare a casa, nonostante le facilitazioni e risorse che pure la Regione Veneto aveva offerto alla proprietà”, ha continuato Bonaccini. “La delocalizzazione temporanea forzata è stata una necessità per continuare l’attività e salvaguardare l’occupazione. È la storia di tante imprese di questa regione, che hanno affrontato il dramma del terremoto rimboccandosi le maniche. E i risultati ci sono, e lo dicono con chiarezza i dati che ci parlano della concreta ripresa dell’economia, con grande merito di imprenditori e lavoratori di tutta l’area del cratere. Non dimentichiamo però che sono stati anni duri, e il nostro impegno è stato quello di non lasciare indietro nessuno”.
Grande soddisfazione per il ritorno assieme a tutti i dipendenti è stata espressa dal titolare della Comal, Claudio Barbolini.
Il contributo per la ricostruzione è stato di circa 8,3 milioni di euro a cui si sono aggiunte risorse investite direttamente dalla azienda. Il contributo regionale per gli immobili è stato di 1 milione e 709 mila euro, mentre per la delocalizzazione temporanea e i beni strumentali sono stati erogati oltre 5 milioni, a cui si aggiungono 1 milione e 616 mila euro da assicurazione.
Alla cerimonia erano inoltre presenti il sindaco Enrico Diacci e il parroco don Ivano Zanoni.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/05/29 14:17:00 GMT+2 ultima modifica 2018-05-30T18:59:48+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?