Sezioni

Soluzioni di classe

Vista da vicino del 29 luglio 2013

Trascrizione

Ermanno Muolo – Giornalista voce narrante
Costruzioni temporanee prefabbricate, sorte in brevissimo tempo e tuttora in via di ampliamento, grazie alla loro struttura modulare.
Diverse esigenze delle comunità emiliane colpite dal terremoto sono state affrontate immediatamente grazie a queste soluzioni, a cominciare dal benessere di chi doveva tornare in classe.

L'attenzione alla scuola è stata altissima: innanzitutto l'obiettivo raggiunto di far partire l'anno scolastico regolarmente in tutte le località colpite.
Poi, per affrontare il danneggiamento di 450 edifici scolastici sono state messe in atto soluzioni che stupiscono per qualità e rapidità.
Intere zone agricole o inutilizzate sono diventate veri e propri poli scolastici, con strade, elettricità, acqua e scarichi, e scuole persino migliori delle precedenti per sicurezza, logistica e risparmio energetico sono sorte tra i 30 e i 60 giorni, con strutture differenti a seconda che gli edifici originari dovessero essere riparati o ricostruiti.


Benedetto Renzetti - Assistente al responsabile unico del procedimento
28 edifici scolastici temporanei che sono delle strutture realizzate in carpenteria metallica o cemento armato prefabbricato e altre 30 strutture sono state realizzate mediante l'assemblamento di moduli in carpenteria metallica.

Manuela Manenti - Responsabile unico del procedimento
Sono delle scuole realizzate in brevissimo tempo ma questo non sta a significare che non sono delle scuole sicure. Hanno un livello di sicurezza molto più alto rispetto alle normali scuole. Il tempo è dovuto al fatto che è stato realizzato da persone che ci hanno messo dentro anche il cuore, dal primo all'ultimo operaio. Grazie a questi sistemi prefabbricati abbiamo già in atto l'inserimento sia di laboratori, aule multimediali e a volte anche delle mense. Le palestre le abbiamo lasciate a parte perché le palestre hanno anche un ruolo sociale non solo scolastico. Grandi tanto da poter essere utilizzate dalla collettività nel pomeriggio.

Alberto Silvestri - Sindaco San Felice sul Panaro
Sono investimenti che restano sul territorio. Per esempio nel nostro caso vedranno anche un ampliamento importante dell'attuale struttura delle scuole elementari che viene aumentata in spazi educativi, viene dotata di mensa e di cucina, viene dotata di una bellissima palestra. Per noi vuol dire davvero un salto di qualità rispetto alla struttura scolastica che avevamo prima.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?