Sezioni

venerdì,  19 gennaio 2018

Alluvione nel modenese. Quattro anni dopo, liquidati tutti i danni ai privati e alle imprese

Conclusi 115 cantieri per la messa in sicurezza idraulica e 65 interventi di ripristino delle opere pubbliche. Al via nuove opere su Secchia, Panaro e principali affluenti

Alluvione fiume Secchia (gennaio 2014) - 1Tutti i danni alle imprese e alle abitazioni rimborsati, conclusi i lavori per le opere pubbliche, 115 cantieri e 30 interventi di messa in sicurezza e difesa idraulica avviati o in corso di progettazione per 83,1 milioni di euro.

E’ questa la sintesi di quanto fatto a quattro anni dall’alluvione nel modenese provocata dalla rottura degli argini del fiume Secchia che, tra il 19 e il 20 gennaio 2014, portò all’allagamento di paesi, campagne, abitazioni, imprese e opere pubbliche tra Medolla, Bastiglia, Bomporto e San Felice sul Panaro nella zona già colpita dal terremoto del 2012.

Lavori realizzati da Regione e Agenzia regionale per la Protezione civile e la sicurezza del territorio, con il contributo della Provincia, dei Comuni, congli interventi di Aipo (Agenzia interregionale per il fiume Po) e il supporto delle associazioni e categorie economiche, per aiutare imprese e privati a risollevarsi dopo i danni subiti e per rimettere in sicurezza il territorio.

I rimborsi alle imprese a i cittadini

E’ conclusa l’attività di liquidazione dei rimborsi per i danni alle imprese: sono stati finanziati 348 interventi (256 per industrie e 132 di imprese agricole) per 14,4 milioni (8,7 per l’industria e 5,7 per l’agricoltura) che hanno riguardato 307 imprese a Modena, Bastiglia, Bomporto, Camposanto, Finale Emilia, Medolla, San Felice sul Panaro e San Prospero.

I risarcimenti hanno riguardato danni strutturali alle sedi, riparazione di macchinari e beni strumentali e le scorte dei prodotti. Per le imprese agricole sono stati rimborsati anche danni ai terreni agricoli e per la perdita di reddito legata alle colture alluvionate.

Già lo scorso anno erano state liquidate anche tutte le richieste di rimborso presentate dai cittadini per il ripristino delle prime e seconde case, per un totale complessivo di oltre 22,3 milioni.

In particolare, per il comune di Bastiglia sono stati liquidati circa 14.76 milioni di euro per 1.509 domande, per Bomporto sono stati liquidati circa 6,23 milioni di euro corrispondenti a circa 570 domande e per il Comune di Modena sono stati liquidati circa 1,19 milioni di euro per 87 domande. Inoltre, per Camposanto e San Prospero sono state liquidate 16 domande per un totale di circa 130 mila euro.

I cantieri per la messa in sicurezza idraulica del Secchia e del Panaro e le opere pubbliche

Dall’alluvione del 19 e 20 gennaio 2014 sono stati programmati 145 interventi per oltre 120 milioni di euro: 115 sono i cantieri già conclusi (39,9 milioni di euro).

Nel 2018 partiranno nuovi cantieri, curati dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile e da Aipo, per rendere più sicuro il nodo idraulico del Secchia e Panaro (34 milioni di euro). Sono poi in corso di progettazione altri 18 interventi per rinforzare le difese spondali dei due fiumi e dei principali affluenti e aumentare il livello di sicurezza della cassa di espansione del Secchia, per un investimento di 49,6 milioni.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/01/19 11:48:00 GMT+2 ultima modifica 2018-01-19T13:10:47+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?