Sezioni

martedì,  23 gennaio 2018

Prosegue il sostegno al reddito dei lavoratori in cassa integrazione di aziende emiliano romagnole in crisi

Proroga al 31 dicembre 2018 del protocollo con cui le banche anticipano a costo zero e a tasso zero quanto dovuto dall'Inps

Copyright Marchesini Group - Foto di Alberto CocchiRegione Emilia-Romagna, Abi, associazioni di categoria, organizzazioni sindacali e istituti di credito confermano il sostegno ai lavoratori delle aziende in crisi.

Questa mattina a Bologna, è stato prorogato al 31 dicembre 2018 il protocollo che ha l’obiettivo di ridurre il disagio dei lavoratori che beneficiano di ammortizzatori sociali. Il problema nasce a causa del tempo che intercorre fra la sospensione dal lavoro in azienda e l’erogazione dei trattamenti da parte dell’Inps. In questo modo, le banche anticipano a costo zero e a tasso zero quanto dovuto dall’Inps stesso. Questo l’esito dell'incontro che si è tenuto oggi pomeriggio presso la Regione Emilia Romagna.

Per ottenere il sostegno è necessaria la richiesta del lavoratore. Occorre quindi che l’interessato apra un conto corrente presso una delle banche firmatarie del protocollo.

I dieci istituti di credito firmatari sono: Bper Banca Popolare Emilia-Romagna, Cassa di Risparmio Cesena, Sanfelice 1893 Banca Popolare Scpa, Banca di Piacenza, UniCredit, Fed. Banche Credito Cooperativo, Cassa di Risparmio di Ravenna e Banca di Imola, Banca Carim Spa, Cassa di Risparmio di Cento, Carisbo e Cariromagna (Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna), Banca Interprovinciale.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/01/23 17:24:36 GMT+2 ultima modifica 2018-01-23T17:24:36+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?