Sezioni

L’impegno della Regione su acqua e cambiamenti climatici

  • L’impegno della Regione su acqua e cambiamenti climatici

La giornata del 23 marzo sarà l’occasione per la Regione Emilia-Romagna di annunciare l’imminente approvazione dalla “Strategia unitaria per la mitigazione e l’adattamento per i cambiamenti climatici in Emilia-Romagna”. Un documento realizzato con la partecipazione di tutto il sistema regionale, nonché delle assistenze tecniche di Arpae ed Ervet, che racconta dell’impegno della regione sui temi della mitigazione, dell’adattamento e della resilienza, definisce gli scenari climatici e i loro impatti nella regione e suggerisce indirizzi per la futura pianificazione e programmazione.

La strategia unitaria prevede inoltre la creazione di un presidio organizzativo per il climate change, finalizzato al monitoraggio dell’efficacia delle politiche regionali in materia, che si avvarrà anche del supporto dell’Osservatorio per gli scenari climatici e gli impatti istituito presso Arpae.

Gli impegni internazionali della Regione Emilia-Romagna sono ulteriormente rafforzati dall’accordo sottoscritto a novembre 2015 con lo Stato della California: il ‘Subnational global climate memorandum of understanding’, protocollo internazionale per il controllo delle emissioni climalteranti noto come Under2MoU, stilato in preparazione delle Conferenza di Parigi sul climate exchange che ribadisce il ruolo dei governi sub-nazionali nell’attuazione degli obiettivi di Parigi Cop21 sul clima e impegna a ridurre le emissioni dell’80% entro il 2050.

  • Investiti 250 milioni per clima ed energie rinnovabili

La Regione Emilia-Romagna ha varato investimenti per quasi 250 milioni di euro nel triennio 2017-2019, attraverso il Piano energetico regionale che prevede: rafforzamento dell’economia verderisparmio energetico, sviluppo di energie rinnovabili, interventi su trasportiricerca, innovazione e formazione. Risorse regionali, europee e nazionali programmate al termine di un percorso partecipato, 9 convegni e 4 workshop tecnici, con la presenza di portatori di interesse, cittadini, enti, associazioni, parti sociali. Gli obiettivi fissati nel documento per clima energia sono: la riduzione delle emissioni climalteranti del 20% al 2020 e del 40% al 2030 rispetto ai livelli del 1990; l’incremento al 20% al 2020 e al 27% al 2030 della quota di copertura dei consumi attraverso l’impiego di fonti rinnovabili, l’incremento dell’efficienza energetica al 20% al 2020 e al 27% al 2030. E proprio trasportielettrico termico, con le loro ricadute sull’intero tessuto regionale, sono i tre settori sui quali si concentreranno gli interventi per raggiungere gli obiettivi fissati dall’Unione europea e recepiti dal Piano. 

  • Nuovi invasi in agricoltura, 18 milioni contro la siccità

Contro la siccità, la Regione Emilia-Romagna ha invece investito 18 milioni di euro sul potenziamento delle infrastrutture al servizio dell’agricoltura per incentivare la realizzazione e l’ampliamento di bacini di raccolta dell’oro blu a uso irriguo di piccole e medie dimensioni, attraverso nuovi invasi per lo stoccaggio dell’acqua piovana per garantire alle aziende agricole adeguate riserve idriche per l’irrigazione dei campi anche in caso di prolungata scarsità di precipitazioni. Lo ha fatto attraverso due distinti bandi del Programma regionale di sviluppo rurale 2014-2020, rivolti rispettivamente a consorzi tra imprese agricole e ai consorzi di bonifica.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/03/20 16:19:05 GMT+2 ultima modifica 2018-03-20T15:47:41+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?